Crea sito

Archive for aprile 30, 2015

Napoli – Per un 1 maggio diverso… all’insegna della consapevolezza e del benessere, perchè non andare a Planta 2015 al Real Orto Botanico (1-3 maggio 2015 in via Foria 223)

-

 

 

Il Magico e misterioso viaggio del tè

Napoli – Per un 1 maggio diverso… all’insegna della consapevolezza e del benessere, perchè non andare a Planta 2015 al Real Orto Botanico (1-3 maggio 2015 in via Foria 223) 
Ci sarà l’occasione di degustare un tè dal sapore intenso (tè in foglie, naturali e genuine, ricordiamoci che il tè è noto per le sue proprietà antitumorali e non solo, non concentrati chimici) in uno spazio allestito secondo gli antichi usi orientali da cerimonia del tè. E poi di conoscere la storia del tè attraverso una mostra tematica ” Il magico e misterioso viaggio del tè” organizzata da Qualcosa di Tè, il primo teashop partenopeo, di Giuseppe Musella e Antonella Flora Spiniello
L’inaugurazione è prevista venerdì 1 maggio alle ore 17.00 (la mostra si snoderà per tutto il weekend lungo fino al 3 maggio 2015) Un percorso multisensoriale che permetterà di compiere un viaggio di ben 5000 anni, racchiusi in una tazza e condensati in un liquido bollente (ottimo anche d’estate perchè il calore provoca vasodilatazione ed abbassa la temperatura corporea) ed aromatico. Tantissime varietà, ognuna delle quali parla di un posto e della sua cultura e tradizioni.
“Abbiamo viaggiato – dicono –  e continueremo a farlo, durante i raccolti, con la pioggia, il sole, il vento, l’afa, attraverso il Guangdong ed il Fangcun Tea Market di Guangzhou. Abbiamo dormito con i contadini dello yunnan del sud, a YiWu Shan, Nannuo shan, Hekai, Jinuoshan, per cercare e per capire dei Puerh Migliori, introvabili, rari. Abbiamo visto Shi Feng, LongJing, a ridosso del west lake, conosciamo perfettamente il mitico cultivar 43. Cerchiamo e beviamo te rari e solitari, per farvi passare un momento degustativo unico, per farvi trovare i sapori, gli odori e la storia di un paese lontano, dentro un Gaiwan”.
Un’emozione forte ed intensa. Come una buona tazza di tè, servita a regola d’arte,

Maggio dei Monumenti 2015 con l’Associazione Culturale NarteA: sabato 2 maggio in scena “Meretrices – Tra le pieghe dell’ipocrisia”

Annalisa Direttore in scena Meretrices

Maggio dei Monumenti 2015 con l’Associazione Culturale NarteA: sabato 2 maggio in scena “Meretrices – Tra le pieghe dell’ipocrisia”

Testi e regia: Febo Quercia

Interpreti: Marianita Carfora, Annalisa Direttore, Peppe Romano, Katia Tannoia

Musica: Biagio Terracciano

Nell’ambito del Maggio dei Monumenti 2015 “’O core ‘e Napule | Cori, cuori e colori di Napoli”, incentrato sulla musica, sul tema dell’amore come filo conduttore della produzione artistica napoletana e sui colori che caratterizzano l’ambiente naturale e il patrimonio artistico cittadino, l’Associazione Culturale NarteA presenta “Meretrices – Tra le pieghe dell’ipocrisia”, un nuovo format teatralizzato in scena sabato 2 maggio 2015 (repliche a partire dalle ore 19:00) al Club 55, sito in via Toledo n°55, che seguendo le impronte del tempo, indaga la storia del mestiere più antico del mondo per svelare pagine di storie occultate. In scena gli attori professionisti Marianita Carfora, Annalisa Direttore, Peppe Romano, Katia Tannoia, con musica del Maestro Biagio Terracciano. Testi e regia di Febo Quercia, art director dell’Associazione Culturale NarteA.

 

All’inizio del Maggio 1949, in un articolo del settimanale il Mondo dal titolo “La grande industria del vizio” si valutava in termini positivi la prospettata chiusura dei postriboli, richiamando alla prudenza, invocando “un certo gradualismo” e consigliando di procedere prima con “esperimenti parziali, limitati ad alcune regioni”. Si dovrà però arrivare al 4 marzo 1958 per leggere sulla Gazzetta Ufficiale la cosiddetta legge Merlin: “l’abolizione immediata della regolamentazione della prostituzione, norme più severe contro lo sfruttamento della prostituzione stessa, nonché la chiusura su tutto il territorio dei postriboli entro sei mesi”.

 

Dal 1949 ad oggi, le case chiuse restano una tematica su cui l’opinione comune si divide, ma com’era la vita di queste veneri vaganti dell’epoca? Negli anni ‘50 Napoli contava circa 900 case di piacere: tra le umili lupanare dei Quartieri Spagnoli ai bordelli lussuosi di via Toledo non si trovavano solo donne di postriboli o meretrici tesserate, ma le storie di Napoli…perché la storia di un popolo passa anche attraverso le lenzuola stropicciate di alcuni letti. Prima della Merlin, nel 1860, il governo Cavour pubblicò un regolamento sulla prostituzione che fu esteso a tutte le province annesse al Regno. Emanato per prevenire la riacutizzazione della sifilide nell’esercito piemontese in guerra, questa norma non fu applicata solo a scopi sanitari. Tale regolamento rappresentava infatti uno strumento di controllo sulle donne da parte della società. In particolare, si autorizzava l’apertura di postriboli di Stato divisi in categorie, tassando il meretricio con imposte da versare nelle casse statali. Mille ruffiani aprirono, in pratica, i cancelli dell’ “Apocalisse”, nascondendosi tra le pieghe dell’ipocrisia.

 

Oltre la casa del famosissimo Domenico Mondragone, esistono altri antichi luoghi napoletani dove l’arte della seduzione nasconde in seno la storia partenopea: NarteA condurrà il pubblico alla scoperta di un luogo che conserva ancora pagine di storia poco raccontate e celate dalla stessa città. Per partecipare all’evento, è obbligatoria la prenotazione ai numeri 339.7020849 – 334.6227785. La quota di partecipazione è di €12,00 a persona.

 

 

Ufficio stampa NarteA| Annacarla Tredici | +39 3339513421 | [email protected]

INTERNATIONAL JAZZ DAY :: IL PROGRAMMA- Patrocinio Ufficiale rilasciato dalla Commissione Nazionale UNESCO

1501694_1814890398736539_4442836039124450637_n
:: INTERNATIONAL JAZZ DAY :: 
Patrocinio Ufficiale rilasciato dalla Commissione Nazionale UNESCO

link evento facebook  

||| PROGRAMMA |||

_ dalle 18:00

nel CafèSummarte ad ingresso libero
# ORIGINAL JAM SESSION #
UN PALCO PER TUTTI

_ MOSTRA : FOTOSUMMARTEINJAZZ

 L’Occhio attento di:
 I.Donati, L.Coppola, L.Maffettone, P.Previti, Spectra Foto
( Esposizione in galleria – ingresso libero)
_ 21:30  # WALTER RICCI _hammond group feat GODWIN LOUIS
Walter Ricci : voce Antonio Capasso : organo hammond Elio Coppola : batteria Godwin Louis : sax ( ingresso 10 euro – tavoli o poltrone)
https://www.youtube.com/watch?v=m7YOOjE9SpA https://www.youtube.com/watch?v=iWMFIJ
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
In occasione dell’ International Jazz Day 2015, con il Patrocinio Ufficiale rilasciato dalla Commissione Nazionale UNESCO e con la direzione artistica di Alberto Bruno e Mauro Seraponte, il Teatro Summarte di Somma Vesuviana , dove recentemente si è conclusa la rassegna “Summarte in Jazz”, e il Live Tones presentano, dalle ore 18.00, oltre ad una Original Jam Session, che vedrà sul palco giovani e meno giovani musicisti, una mostra fotografica “FOTOSUMMARTEINJAZZ. L’occhio attento di I.Donati,L.Coppola, L.Maffettone, P.Previti, Spectra Foto” comprensiva degli scatti dei musicisti italiani e stranieri coinvolti nella rassegna.  Alle 21.30 il concerto jazz “Walter Ricci Hammond group feat Godwin Louis” e a seguire il palco sarà di chi vorrà condividere e festeggiare il Jazz in questa giornata che nel mondo gli si dedica. La scelta è ricaduta sul progetto di Walter Ricci per la sua qualità musicale, ma soprattutto per la diffusione della capacità e professionalità dei giovani musicisti del gruppo.
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
WALTER RICCI Hammond Group feat GODWIN LOUIS
Con il suo ritmo musicale, la sua creatività artistica e la sua simpatia tipicamente partenopea, Walter Ricci è considerato tra i grandi nomi della scena Jazz del momento: ad accompagnarne la voce strepitosa saranno Antonio Capasso all’organo hammond, Elio Coppola alla batteria e per l’occasione ad affiancare il gruppo ci sarà il famoso sassofonista americano da New York City Godwin Louis, attualmente uno dei sassofonisti più richiesti in tutto il mondo che ha affiancato grandi artisti tra cui Herbie Hancock, Dee DeeBridgewather, Clark Terry, Ron Carter, John Patitucci, John Scofield solo per citarne alcuni.  Walter Ricci inizia ad approcciarsi alla musica Jazz sin da giovanissimo, si diverte ad imitare alla perfezione colossi della musica quali Tony Bennett o Frank Sinatra iscrivendosi poi al Conservatorio dove si diploma, ma è l’incontro fortunato con il grande sassofonista Stefano Di Battista a segnare la sua carriera artistica. Oggi è uno degli artisti jazz più apprezzati a livello internazionale grazie alla sua padronanza vocale e timbrica che dà vita a sonorità che spaziano dal pop al jazz. Nonostante la sua giovane età ha già collaborato con artisti di fama mondiale come Michael Buble durante una puntata di Domenica In, duetto fortemente voluto da Pippo Baudo. Il gruppo in questa occasione presenta un repertorio molto vasto e coinvolgente spaziando da Frank Sinatra a Michael Bublè senza tralasciare alcuni tra i pezzi più belli della musica italiana riarrangiati in chiave swing.
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: Ingresso Gratuito alla Jam Session e Mostra
Concerto in Teatro – 21.30 Biglietto 10 euro (poltrone o tavoli) *servizio ai tavoli con degustazioni
info/prenotazioni: 393 819 8381393 819 8381 393 5667597393 5667597 081 3629579081 3629579
Summarte  via Roma, 15 80049 – Somma Vesuviana (NA)
direzione artistica 
Alberto Bruno e Mauro Seraponte

PROGRAMMA EVENTI DAL 25 APRILE AL 2 GIUGNO 2015

napoli pino e sole

PROGRAMMA EVENTI DAL 25 APRILE AL 2 GIUGNO 2015

 

Sabato 25 e domenica 26 aprile

    25 e 26 aprile, ore 10 – passeggiata saporita, prenotazione obbligatoria VERGINI e SANITA’…SFOGLIATELLE, TARALLI E POESIE Tra le chiese, i conventi, i palazzi ed i sotteranei dei meravigliosi borghi dei Vergini e della Sanità, accompagnati da gustosi assaggi gastronomici e dai più significativi versi di Giacomo Leopardi, riproposti in chiostri e cortili suggestivi Appuntamento Stazione Metro Piazza Cavour, linea 2 – Contributo di partecipazione: € 8  Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI   25 e 26 aprile, ore 10 – percorso narrato, prenotazione obbligatoria SULLE TRACCE DI LEOPARDI La casa dove visse, la meravigliosa chiesa dove furono celebrati i suoi funerali e l’ossario dove, secondo alcuni, potrebbero essere i suoi resti. Da Santa Teresa degli Scalzi al Cimitero delle Fontanelle, lungo i vicoli di Materdei, sulle tracce di un grande poeta Appuntamento Stazione Metro Materdei, linea 1  – Contributo di partecipazione: € 8  Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI    

Venerdì 1, sabato 2 e domenica 3 maggio

    1, 2 e 3 maggio, ore  10.00 – passeggiata saporita ed animata, prenotazione obbligatoria ANIME DEL PURGATORIO E PUOZZA SCULA’… TRA SANITA’ E CIMITERO DELLE FONTANELLE Voci narranti evocheranno storie, personaggi, riti e leggende legate al “refrisco” delle “anime do priatorio” ed alla “colatura” dei defunti, tra folklore ed antropologia, peste e colera, sogni e numeri, religiosità e superstizione, bella ‘mbriana e munacielli, per conoscere l’animo più profondo dei napoletani. Lungo il percorso assaggio di taralli ‘nzogna e pepe Appuntamento Stazione Metro Materdei, linea 1 – Contributo di partecipazione: € 8  Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     1 e 3 maggio, ore 10.30 – percorso animato in costume, prenotazione obbligatoria TOMBOLA ITINERANTE Una passeggiata spettacolo tra monumenti, chiostri e scorci suggestivi, che saranno svelati in modo divertente e coinvolgente attraverso il gioco della tombola ed i significati dei numeri, accompagnati dal panariello ed il cartellone giganti Appuntamento in Piazza del Gesù, nei pressi della guglia – Contributo di partecipazione: € 8  Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     1 maggio, ore 11 – percorso narrato, prenotazione obbligatoria TOLEDO E PIZZOFALCONE…CON ELEONORA PIMENTEL FONSECA Il nuovo assetto urbanistico voluto dal Vicerè Don Pedro de Toledo per l’acquartieramento delle truppe spagnole, le chiese ed i palazzi del cinquecentesco asse viario e l’altura di Pizzofalcone, con palazzo Serra di Cassano. Sullo sfondo, la narrazione dei drammatici eventi della rivoluzione partenopea del 1799 che videro protagonista Eleonora Pimentel Fonseca Appuntamento metro Toledo, linea 1 – Contributo di partecipazione: € 8    Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     1 maggio, ore 20.30 – serenata itinerante, prenotazione obbligatoria NA VOCE, NA CHIATARRA E ‘O PPOCO ‘E LUNA… Serenata itinerante al chiar di luna dal Maschio Angioino alla Villa Comunale, dove la descrizione storica ed artistica dei luoghi si alternerà alle note d’intramontabili melodie partenopee Appuntamento ingresso Maschio Angioino  – Contributo di partecipazione: € 8    Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     2 maggio, ore 10.30 – percorso animato in costume, prenotazione obbligatoria PIAZZA MERCATO TRA PASSIONI E RIVOLUZIONI Nei luoghi della rivoluzione di Masaniello e dei martiri della Repubblica Partenopea del 1799, un pezzo cruento e sanguinario della millenaria storia di Napoli s’incrocia con la forte religiosità legata alla  devozione per la Madonna Bruna, S. Eligio e S. Giovanni. Alcuni di quegli avvenimenti sranno riproposti dai nostri attori in costume d’epoca Appuntamento in Piazza del Carmine, nei pressi della basilica – Contributo di partecipazione: € 8    Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     2 maggio, ore 17.30 – visita guidata, prenotazione obbligatoria ROSSO POMPEIANO Passeggiata alla scoperta di chiese, palazzi storici e nobiliari dal caratteristico colore “rosso pompeiano” lungo Costantinopoli, la via delle muse Appuntamento ingresso Museo Archeologico Nazionale – Contributo di partecipazione: € 7    Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     2 maggio, ore  20.30 – visita guidata animata, prenotazione obbligatoria NERO NAPOLETANO Virgilio Mago, il fantasma di Maria d’Avalos, il Principe di Sansevero, le ianare ed il diavolo maiale, le “anime do priatorio”, un percorso nel cuore antico di Napoli tra folklore ed antropologia, religiosità e superstizione, esoterismo e mistero. In collaborazione con ARCHEOLOGIAaNAPOLI Appuntamento davanti alla Chiesa di Santa Maria Maggiore (Pietrasanta), lungo via Tribunali Contributo di partecipazione: € 8 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI   3 maggio, ore 10.30 ed ore 16.30 – visita guidata, prenotazione obbligatoria IL MUSEO DI CAPODIMONTE Visita alla sontuosa reggia borbonica, che conserva la straordinaria collezione dei Farnese ceh, dalla pittura alla scultura, si estende ai disegni, alle armi, alle arti decorative con una ricchezza di esemplari di grande raffinatezza, frutto sia del collezionismo farnesiano sia, in seguito, delle corti dei Borbone e dei Savoia. Appuntamento ingresso Museo di Capodimonte – Contributo di partecipazione: € 7 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI

 

 

Sabato 9 e domenica 10 maggio

    9 e 10 maggio, ore  10.00 – percorso musicale e saporito, prenotazione obbligatoria MISS, MIA CARA MISS…LE CANZONI ED I LUOGI DI TOTO’ Tra le chiese, i conventi, i palazzi ed i sotteranei dei meravigliosi borghi dei Vergini e della Sanità, accompagnati dalle canzoni di un grande figlio di quei vicoli, Totò, e da gustosi assaggi gastronomici. Appuntamento Stazione Metro Piazza Cavour, linea 2 – Contributo di partecipazione: € 8 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     9 maggio, ore  10.30 – percorso musicale, prenotazione obbligatoria PIEDIGROTTA, TRA RELIGIOSITA’ E MUSICA I significati ed i luoghi della festa di Piedigrotta, in una passeggiata che seguirà le orme di grandi poeti, musicisti e parolieri, da Mergellina a Piazza dei Martiri Appuntamento Stazione Metro Mergellina, linea 2 – Contributo di partecipazione: € 8 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     9 e 10 maggio, ore  11 – visita guidata, prenotazione obbligatoria GLI ANTICHI CONSERVATORI La storia di queste antichissime istituzioni, da S. Pietro a Majella alla Pietà dei Turchini, lungo via San Sebastiano, la strada della musica Appuntamento mura greche di Piazza Bellini – - Contributo di partecipazione: € 7 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     9 maggio, ore  20.30 – degustazioni e spettacolo in famiglia ‘NA SERA ‘E MAGGIO La casa di Gianni, il nostro cantastorie, ci ospiterà in un’atmosfera intima e familiare, per degustare insieme divertenti incursioni artistiche e “muorze sapurite” Appuntamento ingresso Museo Archeologico Nazionale – Contributo di partecipazione: € 15 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     10 maggio ore 10.00 – itinerario archeologico e musicale MARECHIARO…STORIA, MUSICA E MAGIA Una passeggiata nella storia dell’antico borgo di Marechiaro, tra i resti di antiche ville romani, chiese e palazzi nobiliari, accompagnati dalle melodie classiche napoletane ispirate a questo luogo d’incantato. In collaborazione con ARCHEOLOGIAaNAPOLI Appuntamento davanti alla chiesa di Santa Maria del Faro (Via Marechiaro, 96/A) Contributo di partecipazione: € 8 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI

Sabato 16 e domenica 17 maggio

    16 e 17 maggio, ore  10.00 – percorso animato e saporito IL CIELO TRA I VICOLI Passeggiata saporita tra i vicoli dei Vergini, della Sanità e di Materdei,  dove, quando le persone di buona volontà si mettono insieme, avvengono “miracoli”. In collaborazione con l’Istituto Pontificio delle Maestre Pie Filippini. Appuntamento Stazione Metro Piazza Cavour, linea 2 – Contributo di partecipazione: € 8 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     16 maggio, ore  10.30 – percorso animato in costume, prenotazione obbligatoria LEGGENDE DEL MARE Voci narranti evocheranno leggende, miti e racconti della tradizione partenopea. A fare da scenario il “lungomare liberato” ed il suo magnifico panorama, dal Castel dell’Ovo a Mergellina. Appuntamento ingresso Castel dell’Ovo 2 – Contributo di partecipazione: € 8 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     16 maggio, ore  20.30 – visita guidata animata, prenotazione obbligatoria NERO NAPOLETANO Virgilio Mago, il fantasma di Maria d’Avalos, il Principe di Sansevero, le ianare ed il diavolo maiale, le “anime do priatorio”, un percorso nel cuore antico di Napoli tra folklore ed antropologia, religiosità e superstizione, esoterismo e mistero. In collaborazione con ARCHEOLOGIAaNAPOLI Appuntamento davanti alla Chiesa di Santa Maria Maggiore (Pietrasanta), lungo via Tribunali Contributo di partecipazione: € 8 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     17 maggio, ore  10.00 – percorso musicale ed animato, prenotazione obbligatoria TRA CIELO E MARE…I QUARTIERI SPAGNOLI Dal cielo di San Martino al mare di Santa Lucia, attraverso la suggestiva scalinata della Pedamentina ed i popolari Quartieri Spagnoli, accompagnati da incursioni artistiche riproposte in scenari unici.   Appuntamento piazzale antistante Certosa di San Martino – Contributo di partecipazione: € 8 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     17 maggio, ore  18.00 – spettacolo di beneficenza, prenotazione obbligatoria UNICI Tre atti unici e tanta musica della tradizione napoletana, per trascorrere insieme una serata all’insegna dell’armonia e della solidarietà Teatro Istituto Pontificio Maestre Pie Filippini, in via Purità a Materdei 2 (angolo Via S. Teresa degli Scalzi) – Per ogni invito sarà necessaria una donazione di almeno € 5 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI    

Sabato 23 e domenica 24 maggio

    23 e 24 maggio, ore  10.00 – passeggiata saporita e narrata, prenotazione obbligatoria LA VIA DEL TUFO…DA PORTA SAN GENNARO AL CIMITERO DELLE FONTANELLE Uno straordinario e goloso viaggio nel tempo. Il religioso silenzio dei conventi ed il fascino dei loro sotterranei, la bellezza di Palazzo dello Spagnolo e Palazzo Sanfelice, l’imponenza ed il simbolismo della basilica di Santa Maria della Sanità e le suggestioni della cava delle capuzzelle vi lasceranno senza fiato Appuntamento Stazione Metro Piazza Cavour, linea 2 – Contributo di partecipazione: € 8 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI 24 maggio, ore 10.30 – percorso animato in costume, prenotazione obbligatoria TOMBOLA ITINERANTE Una passeggiata spettacolo tra monumenti, chiostri e scorci suggestivi, che saranno svelati in modo divertente e coinvolgente attraverso il gioco della tombola ed i significati dei numeri, accompagnati dal panariello ed il cartellone giganti Appuntamento in Piazza del Gesù, nei pressi della guglia – Contributo di partecipazione: € 8  Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     23 maggio, ore  10.30 – visita guidata, prenotazione obbligatoria SAN GIOVANNI A CARBONARA ED I GIARDINI DI RE LADISLAO Visita a una delle chiese più suggestive di Napoli. Tra capolavori del gotico e del rinascimento, un percorso storicoartistico nella Napoli angioina Appuntamento ingresso chiesa, lungo Via S. Giovanni a Carbonara – Contributo di partecipazione: € 7 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     23 maggio, ore  17.30 – percorso animato e saporito, prenotazione obbligatoria MATERDEI…E LA PIZZA FRITTA Nei vicoli del popolare rione Materdei, che ospitarono la procace Sofia Loren nei panni della pizzaiola del celeberrimo film di De Sica, tra chiese ricche di stucchi, guglie, conventi e scrigni preziosi. L’assaggio della famosa pizza “ogge a ott”  concluderà la passeggiata. Appuntamento Stazione Metro Materdei, linea 1 – Contributo di partecipazione: € 10 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     23 maggio, ore  20.30 – visita guidata animata, prenotazione obbligatoria CHI FRAVECA E SFRAVECA…TRA PRETE ‘E TUFO E PERTUSE Quando le pietre ed i pertugi raccontano la storia di una città , un modo inusuale e divertente per riscoprire Napoli, attraverso la rilettura della pratica del riuso delle antichità e gli antichi proverbi, perle di saggezza partenopea. Da Port’Alba all’Anticaglia, tra resti dell’antica Neapolis e perle nascoste, che si sveleranno in tutta la loro bellezza ed intimità. In collaborazione con ARCHEOLOGIAaNAPOLI Appuntamento a Piazza Dante, nei pressi della statua – Contributo di partecipazione: € 8 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     24 maggio, ore  10.30 – visita guidata L’ORO DI NAPOLI Il convento delle Maestre Pie Filippini, fondato dalla congregazione degli orafi e degli argentieri, sarà eccezionalmente aperto per una visita che si snoderà nei vicoli del popolare rione Materdei,dove Vittorio De Sica girò uno degli episodi più famosi del celeberrimo film “L’ORO DI NAPOLI”,tra chiese, guglie e scrigni preziosi. Appuntamento Stazione Metro Materdei, linea 1 – Contributo di partecipazione: € 7 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook     24 maggio, ore  18.00 – spettacolo di beneficenza, prenotazione obbligatoria UNICI Tre atti unici e tanta musica della tradizione napoletana, per trascorrere insieme una serata all’insegna dell’armonia e della solidarietà Teatro Istituto Pontificio Maestre Pie Filippini, in via Purità a Materdei 2 (angolo Via S. Teresa degli Scalzi) – Per ogni invito sarà necessaria una donazione di almeno € 5 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI    

dal 30 maggio al 2 giugno

    30 maggio e 2 giugno, ore  10.00 – percorso narrato, prenotazione obbligatoria MATERDEI E FONTANELLE…TRA GIARDINI E CAVE Dal verde dei giardini della collina di Materdei a quello del vallone delle Fontanelle dove, nell’enorme cava di tufo, voci narranti evocheranno storie, personaggi, riti e leggende legate al “refrisco” delle “anime do priatorio”, tra folklore ed antropologia, peste e colera, sogni e numeri, religiosità e superstizione, bella ‘mbriana e munacielli, per conoscere l’animo più profondo dei napoletani. Appuntamento Stazione Metro Materdei, linea 1 – Contributo di partecipazione: € 8 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     30 maggio, ore 10.30 – percorso animato in costume, prenotazione obbligatoria TOMBOLA ITINERANTE Una passeggiata spettacolo tra monumenti, chiostri e scorci suggestivi, che saranno svelati in modo divertente e coinvolgente attraverso il gioco della tombola ed i significati dei numeri, accompagnati dal panariello ed il cartellone giganti Appuntamento in Piazza del Gesù, nei pressi della guglia – Contributo di partecipazione: € 8  Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     30 maggio, ore  10.30 – visita guidata, prenotazione obbligatoria SAN GIOVANNI A CARBONARA ED I GIARDINI DI RE LADISLAO Visita a una delle chiese più suggestive di Napoli. Tra capolavori del gotico e del rinascimento, un percorso storicoartistico nella Napoli angioina Appuntamento ingresso chiesa, lungo Via S. Giovanni a Carbonara – Contributo di partecipazione: € 7 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     30 maggio, ore  20.30 – degustazioni e spettacolo in famiglia ‘NA SERA ‘E MAGGIO La casa di Gianni, il nostro cantastorie, ci ospiterà in un’atmosfera intima e familiare, per degustare insieme divertenti incursioni artistiche e “muorze sapurite” Appuntamento ingresso Museo Archeologico Nazionale – Contributo di partecipazione: € 15 Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI     31 maggio e 2 giugno, ore  10.30 – percorso animato, prenotazione obbligatoria CAPODIMONTE E MOIARIELLO La Reggia, il parco e gli altri edifici delle residenza borbonica, ma anche l’osservatorio astronomico, i casini nobiliari, la misteriosa torre del Palasciano ed il belvedere del Moiariello. Appuntamento ingresso Parco di Capodimonte, lato Ponti Rossi – Contributo di partecipazione: € 8  Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI       2 giugno, ore 20.30 – serenata itinerante, prenotazione obbligatoria NA VOCE, NA CHIATARRA E ‘O PPOCO ‘E LUNA… Serenata itinerante al chiar di luna dal Maschio Angioino alla Villa Comunale, dove la descrizione storica ed artistica dei luoghi si alternerà alle note d’intramontabili melodie partenopee Appuntamento ingresso Maschio Angioino 1 – Contributo di partecipazione: € 8    Infoline 3396304072, [email protected] , pagina facebook VIVIQUARTIERE NAPOLI

NAPOLI E’ DONNA PREMIO LYDIA COTTONE 2015

 

 

 

NAPOLI E' DONNA

NAPOLI è DONNA

PREMIO LYDIA COTTONE 2015

La
creatività, la forza e l’operato delle donne. Nasce “Napoli è Donna -
Premio
Lydia Cottone 2015″. La manifestazione, organizzata da Terziario
Donna
Confcommercio Napoli intende offrire un riconoscimento alle donne che
si sono
distinte in vari ambiti e settori: dalle arti alla ricerca, dal
giornalismo
all’imprenditoria, dal sociale all’editoria e che lavorano per
dare lustro
alla città.

Alla conferenza stampa di presentazione, presso il
Convento di San Domenico
Maggiore nell’ambito della mostra “Il bello o il
vero. La scultura
napoletana del secondo Ottocento e del primo Novecento”,
progettata da
DATABENC – distretto ad Alta tecnologia, promossa dal Comune di
Napoli e
dall’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, interverranno:
Angelo
Chianese professore di Sistemi di elaborazione delle informazioni Università
degli studi di Napoli Federico II, Pietro Russo, Presidente
Confcommercio
Napoli, Arianna Cavallo, Presidente Terziario Donna Napoli,
Stefano
Prestisimone, Giornalista de “Il Mattino” e nipote di Lydia
Cottone.

La cerimonia di premiazione è fissata per il 28 aprile 2015 alle
ore 10,30
presso la sede di Confcommercio Napoli in piazza Carità,
32.

“Il premio è dedicato all’artista napoletana, Lydia Cottone -
spiega Arianna
Cavallo – una pittrice e una scultrice di rilievo ma spesso
dimenticata, le
cui opere sono sparse per il mondo. Anche il monumento a
Salvo D’Acquisto,
simbolo di piazza Carità è suo ma pochi napoletani ne sono
a conoscenza. Le
donne rappresentano una parte importante del tessuto
produttivo cittadino.
Vogliamo restituire valore a tutte quelle donne che
lavorano in questa città
ma che spesso sono
dimenticate”.

“Questa iniziativa rappresenta un’ulteriore
attestazione all’impegno spesso
silenzioso delle donne. – aggiunge Pietro
Russo, leader di Confcommercio
Imprese per l’Italia della Provincia di Napoli
- Nelle nostre imprese ormai
il numero delle imprenditrici ha superato quello
dei colleghi maschi ed
anche quando l’impresa è nelle mani di un uomo dietro
c’è il lavoro di una
donna nella veste di madre, di moglie, di
collaboratrice.”

Lydia Cottone è autrice di opere simbolo della
città di Napoli, città dove
nacque nel 1923 e morì all’età di 76 anni.
Diplomata all’Accademia delle
Belle Arti di Napoli intraprese la strada della
figurazione neorealista per
conquistarsi ben presto uno spazio autonomo di
taglio espressionista.

Suoi il monumento a Salvo D’Acquisto in Piazza
Carità, i due gruppi bronzei
di ”Alfa e Omega” nel nuovo cimitero di
Poggioreale e il ”Podista e il
Discobolo” esposti nei giardinetti di Piazza
Quattro Giornate. Nel cortile
della Provincia di Napoli (oggiAggiungi un
appuntamento per oggi
Città Metropolitana di Napoli ) sono
esposte
le sue pietre ollari, donate all’Ente nel 1998, un anno prima della
sua
scomparsa. Altre sue opere sono esposte in importanti sedi europee
come
Copenaghen e San Pietroburgo.

Elenco dei
riconoscimenti:

Riconoscimento d’Onore

* Margherita Dini
Ciacci

* Lydia Cottone (alla memoria)

Riconoscimento di
Merito

* Monica Sarnelli (Musica)

* Romy Nardi (Pittura)

*
Marisa Albanese (Scultura)

* Raffaela Mariniello (Fotografia)

*
Flora Beneduce (Sanità)

* Valeria Parrella (Scrittura)

* Titta
Fiore (Giornalismo)

* Simonetta de Chiara Ruffo (Radio)

* Roberta
Inarta (Cinema)

* Marilù Galdieri (Imprenditoria)

* Giovanna
Giuliani (Teatro)

* Serena Aceto (Ricerca e Università)

*
Annamaria Passaro (Creatività)

* Assunta Polcaro (Universal
design)

* Agnese Palumbo (Premio al Libro “Le 101 donne che
hanno
fatto grande Napoli”)

* Virginia Ciaravolo (Premio per
l’iniziativa “Mai più
violenza infinita”)

Emeroteca Biblioteca Tucci

photo 1

Dott.ssa Ida Alessio Virnì, assessore Nino Daniele e  Mario Zaccaria

 

La Giornata mondiale del libro, patrocinata dall’Unesco per promuovere la lettura, la pubblicazione dei libri e la protezione della proprietà intellettuale, non poteva avere preludio migliore: oggi nella sede dell’Emeroteca Biblioteca Tucci, è stata annunciata l’importante donazione di volumi fatta dalla Tucci alle biblioteche comunali: 300 pubblicazioni che comprendono riviste (74 titoli diversi tra cui “Civiltà Cattolica”, l’ “Illustration”, l’ “Archivio Storico per le Province Napoletane e l’ “Apostolato Popolare” di Mazzini) , 23 libri e tre monografie della Tucci.

I volumi sono stati così “consegnati” dal vicepresidente dell’Emeroteca, Mario Zaccaria alla dottoressa Ida Alessio Vernì, Dirigente del Servizio Biblioteche del Comune di Napoli, alla presenza di Nino Daniele, Assessore alla Cultura e al Turismo, ideatore con il presidente della “Tucci”, Salvatore Maffei dell’iniziativa.

Nella sede dell’Emeroteca si è svolto anche un altro atto importante: la prima sottoscrizione di due protocolli d’intesa per la collaborazione tra le biblioteche degli istituti penitenziari di Secondigliano e di Poggioreale e il sistema delle biblioteche comunali.  Per l’occasione erano presenti Claudio Flores, Dirigente Dipartimento Amministrazione Penitenziaria della Campania; Antonio Fullone, Direttore della casa Circondariale di Poggioreale e Liberato Guerriero, Direttore del Centro Penitenziario di Secondigliano.

Introducendo gli interventi e portando ai presenti anche i saluti del presidente Maffei “che da 40 anni dirige in maniera impareggiabile l’Emeroteca e che oggi è assente per un problema di salute” Mario Zaccaria ha ringraziato perché in un ricorrenza così importante, come la Giornata mondiale del libro, il Comune ha voluto organizzare una conferenza proprio nella sede della “Tucci”, un’associazione gestita dai giornalisti “il che sottolinea che la categoria sa anche essere impegnata nella cultura e nel sociale” e ricordando, l’immenso patrimonio dell’ultracentenaria Emeroteca (10mila titoli diversi di periodici italiani e stranieri, tra cui  3mila esclusive per la Campania e centinaia periodici non presenti nelle biblioteche italiane, e 40mila monografie) ha aggiunto: “Noi rappresentiamo non soltanto un punto di riferimento in Campania ma nel mondo

Il vicepresidente ha, poi, spiegato l’origine della donazione: “Sono doppioni. L’Emeroteca, infatti, spesso riceve donazioni e può capitare che ci siano volumi che già possedevamo. A questo punto il presidente Maffei e l’assessore Daniele hanno deciso che questo materiale andasse alle biblioteche del Comune di Napoli proprio perché fosse messo al servizio della comunità. L’auspicio dell’Emeroteca Tucci – ha detto – è che le riviste, fatte rilegare per l’occasione, siano destinate a un’unica biblioteca in modo che possano creare un nucleo iniziale di una nuova emeroteca.”

Intervenendo la dottoressa Ida Alessio Vernì ha sottolineato che mentre “l’emeroteca è per lo più frequentata da una élite, da studenti e studiosi, le biblioteche comunali hanno la caratteristica di essere aperte al territorio, alla popolazione. Perciò stiamo cercando di renderle luoghi di incontro, di dibattiti, presentazioni di libri, che rendano la biblioteca viva. Per questo  è  importantissima la donazione dell’Emeroteca Tucci e cercheremo di darne visibilità con presentazioni, biblioteca per biblioteca, proprio perché si crei un evento che attiri l’attenzione. Ringrazio l’Emeroteca anche per la collaborazione che sta dando al servizio Archivi Storici e Biblioteche comunali impegnati da mesi in una ricerca sulla Prima Guerra mondiale e sul dopoguerra”.

Anche l’assessore Daniele ha sottolineato il valore culturale della Tucci con “il suo grandissimo eccezionale, patrimonio, ragione per cui si è scelto di svolgere qui il prologo della serie di iniziative culturali che si stanno moltiplicando di ora in ora, come Un (lungo)mare di libri, nella Villa Comunale, che si aprirà il prossimo week end e di firmare qui il protocollo d’intesa. Napoli è la prima città in Italia a varare l’iniziativa, come ha sottolineato Claudio Flores, Dirigente Dipartimento Amministrazione Penitenziaria della Campania.

Antonella Leardi al Summarte di Somma Vesuviana

11080932_445237265637854_7559362385584075872_n (1)11097995_1817238875168358_3122307653984931727_n (1)

Antonella Leardi al Summarte di Somma Vesuviana

Continua la rassegna letteraria “Summarte libri e caffè”. Dopo il grande successo di pubblico e di attenzione da parte della stampa per l’incontro della scorsa settimana, l’evento nato grazie al Teatro Summarte di Somma Vesuviana in collaborazione con l’associazione “Cultura A Colori”, vedrà una nuova presentazione domenica 26 aprile alle ore 11.00. Nel caffè letterario del Summarte, Antonella Leardi, madre di Ciro Esposito – il tifoso napoletano che lo scorso 3 maggio perse la vita nell’occasione della finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina – presenterà “Ciro Vive” edito dalla casa editrice Graus. Il libro è stato scritto dalla giornalista Rai di Porta a Porta, Vittoria Abbate per testimoniare la storia di Ciro Esposito. Antonella Leardi, durante la presentazione, risponderà alle domande proposte dal pubblico e dalla stampa a due giorni dalla data fissata dell’udienza preliminare contro Daniele De Sanctis, l’ex ultrà giallorosso accusato dell’omicidio di Ciro.

Il libro:

Il messaggio impresso nero su bianco porta la firma della passione grande e sana per il calcio che aveva Ciro e che oggi vivono in sua madre. Una sorta di “Missione” che nel libro “Ciro Vive”, parla della storia di questo ragazzo dall’infanzia al giorno del drammatico incidente a Roma. Si racconta dei suoi 52 giorni di agonia al Policlinico Gemelli grazie ai ricordi amari di Antonella Leardi e con interviste ai familiari e amici. “Ciro Vive” però è anche un gesto d’amore e solidarietà: il ricavato del libro infatti, andrà in beneficenza ai bambini della Rianimazione del Gemelli a Roma e dell’Oncologia pediatrica dell’ospedale Pausillipon di Napoli.

La rassegna:

Summarte, libri e caffè” è una nuova occasione di fare cultura, negli spazi messi a disposizione dal Summarte di Somma Vesuviana, con un ricco calendario di eventi dedicati alla poesia e alla narrativa. L’ingresso è gratuito e la kermesse, che vedrà impegnati volti noti e non del panorama letterario italiano, si ripeterà ogni settimana sino alla fine del mese di maggio.

Le presentazioni saranno moderate dal Dott. Oreste Vibrati, speaker e CO-conduttore (insieme alla speaker radiofonica Lucia Di Lorenzo), del programma Café Noir in onda su Radio Antenna Uno e dalla Dott.ssa Sonia Sodano, giornalista, scrittrice, conduttrice radiotelevisiva e presidente dell’ass. Cultura a Colori.

TEATRO SUMMARTE

Il progetto Summarte nasce dalla riqualificazione dello storico edificio che ospitava il cinema Arlecchino in pieno centro a Somma Vesuviana. Il vecchio cinema Arlecchino, nato nel ‘54, negli anni d’oro della cinematografia, ha rappresentato per decenni lo spazio cittadino privilegiato per gli amanti della settima arte. Ha subito i colpi della crisi del cinema negli anni Novanta e l’avvento dei multisala più di recente. Costretto infine a chiudere i battenti è stato abbandonato pochi anni fa, lasciando uno grande spazio inutilizzato. Con il progetto del teatro Summarte si è voluto ridare dignità a uno spazio che si presta perfettamente ad attività culturali e di aggregazione.

 

CAFFE’ LETTERARIO

Summarte café nasce innanzitutto dall’esigenza di creare un luogo di accoglienza per il teatro, uno spazio di relax e socializzazione. Ma, al contempo, è esso stesso dotato di un’anima e di una funzione ben precisa. Il caffè, collocato nell’open space all’ingresso del teatro, può essere bar, sala da tè o ristorante a seconda dell’ora del giorno.

Luogo ideale per gustare l’aperitivo con un’ottima selezione di vini, Summarte cafè è lo spazio d’elezione per incontri culturali, presentazioni di libri, piccoli concerti jazz e progetti musicali in acustico.

Al Summarte cafè si può chiacchierare all’uscita dal teatro o prima dello spettacolo, o si può passare una serata informale all’insegna dell’arte e della cultura.

Ma, soprattutto, in un clima accogliente e senza fretta, si può leggere un libro scelto dalla libreria messa a disposizione di tutti, davanti a un caffè o a un calice di vino.

Nato come spazio  multiculturale il Summarte cafè si propone come crocevia per scambi di idee e proposte artistiche. Un luogo che invoglia alla sosta, alla riflessione e al confronto.

La Napoli dei “cento bombardamenti” in scena con NarteA: “Noi Vivi” e “Le arti e i tesori di Napoli nella storia” per ripercorre le vicende della Seconda Guerra Mondiale

arti-e-tesori

COMUNICATO STAMPA

La Napoli dei “cento bombardamenti” in scena con NarteA: “Noi Vivi” e “Le arti e i tesori di Napoli nella storia” per ripercorre le vicende della Seconda Guerra Mondiale

Sabato 25 aprile (ore 19:30 e ore 21:00) e domenica 26 aprile (alle ore 11:30),  in occasione della Giornata della Liberazione, l’Associazione Culturale NarteA ricostruisce i momenti più significativi del riscatto partenopeo dalla Seconda Guerra Mondiale:  in scena sabato sera “Noi Vivi”, spettacolo itinerante sul palcoscenico congenito del Tunnel Borbonico,  per riportare alla memoria i tragici giorni vissuti dai napoletani nei rifugi bellici del sotterraneo voluto da Ferdinando II di Borbone; domenica mattina con “Le arti e i tesori di Napoli nella storia” si alza il sipario per una visita guidata teatralizzata incentrata sulla “metamorfosi” della zona del Borgo Orefici nel corso del tempo.  La quota di partecipazione per lo spettacolo è di € 15,00 a persona, comprensiva di biglietto “percorso standard” per tornare entro l’anno a  visitare il sito accompagnati da una guida, mentre per la visita guidata teatralizzata è di € 10,00 a persona. Per partecipare alle iniziative, è necessario prenotare ai numeri 339.7020849 –  334.6227785.

 

Tra il 24 e il 28 aprile del 1943 la città di Napoli subì una pesante incursione di bersagliamenti che si annovera tra i “cento bombardamenti” sofferti nell’arco della Seconda Guerra Mondiale. In occasione della Giornata della Liberazione, l’Associazione Culturale NarteA riporta alla memoria i momenti napoletani più significativi del secondo conflitto mondiale con un doppio appuntamento culturale: sabato 25 aprile (ore 19:30 e ore 21:00) in scena Noi Vivi, spettacolo itinerante basato sulla ricostruzione storica dei tragici giorni vissuti dai napoletani nei rifugi bellici del Tunnel Borbonico di Napoli, e domenica 26 aprile (ore 11:30) “Le arti e i tesori di Napoli nella storia”, una visita guidata teatralizzata incentrata sulla “metamorfosi” della zona del Borgo Orefici nel corso del tempo. La quota di partecipazione per lo spettacolo è di € 15,00 a persona, comprensiva di biglietto “percorso standard” per tornare entro l’anno a  visitare il sito accompagnati da una guida, mentre per la visita guidata teatralizzata è di € 10,00 a persona. Per partecipare alle iniziative, è necessario prenotare ai numeri 339.7020849 –  334.6227785. Sul canale YouTube di NarteA è possibile guardare il trailer dell’evento culturale.

 

Napoli è stata una delle città italiane più provate dalla guerra: era il porto principale verso la quarta sponda e il capolinea delle rotte marittime verso la Libia. Allo scoppio del conflitto, la città era impreparata ad ogni evento bellico, con pochi ricoveri pubblici efficienti, e la difesa della centro abitato venne affidata principalmente ai cannoni delle navi che si alternavano nel porto. Gli agenti dell’U.N.P.A. (Unione Nazionale Protezione Antiaerea) con i capi-palazzo erano gli addetti al soccorso dei civili e allo spegnimento degli incendi in palazzi e rifugi. Le prime bombe caddero nella notte del 1 novembre del 1940 e, nonostante il bersagliamento continuo, Napoli reagì con dignità e disciplina fino alla fine della guerra, anche quando le sorti del conflitto cominciarono a declinare. La ricostruzione storica di quelle tragiche giornate rivive, ora per ora, nel format dello spettacolo itinerante di NarteA: “Noi Vivi” è una rappresentazione teatrale scritta da Febo Quercia, art director di NarteA, con la regia dello stesso e di Antimo Casertano, che riporta nel cuore pulsante del sottosuolo napoletano, proprio all’interno dei rifugi del tunnel borbonico, nel momento in cui la sommossa spontanea si salda alle azioni isolate della resistenza clandestina, in una sollevazione popolare che coinvolge senza distinzioni operai, bambini, intellettuali, ufficiali e soldati allo sbando. Il dramma vissuto dalla città e i segni di quel passato non troppo lontano sono ancora oggi visibili: su una parete dell’immensa cattedrale, scavata nel tufo giallo della pancia di Napoli, si può leggere l’incisione Noi Vivi. Una grande scritta scolpita con un carboncino sembra essere un sospiro di gioia, un urlo liberatorio di chi ha conquistato la salvezza. Finalmente liberi di continuare a vivere, ma imprigionati nelle viscere della terra. La suggestiva ambientazione del tunnel borbonico proietterà il pubblico direttamente sulla palcoscenico della “storia”: in scena Carlo Caracciolo, Serena Pisa, Federica Altamura, Marianita Carfora, Sergio Del Prete, Peppe Romano, Katia Tannoia. Costumi di Antonietta Rendina. Foto di Marco Venezia. Trailer dello spettacolo: https://www.youtube.com/watch?v=NorqSmRGde8

 

 

Nel corso del 1943,  nel mese aprile,  vennero colpite dai bombardamenti anche le zone del Carmine e del Borgo Orefici: qui la visita guidata teatralizzataLe Arti e i Tesori di Napoli nella storia” di NarteA porterà alla luce le vicende legate alla Napoli mercantile ed artigianale, vivo centro del commercio mediterraneo e di scambio culturale. Attraverso gli attori professionisti Valeria Frallicciardi, Sergio Del Prete e Peppe Romano alternati alla guida turistica, gli ospiti saranno trasportati lungo il Decumano del mare per rivivere la “metamorfosi” della Napoli mercantile ed artigianale, centro del commercio mediterraneo e punto d’incontro e di scambio delle culture più disparate. In collaborazione con il Consorzio Antiche Botteghe Tessili e il Consorzio Antico Borgo Orefici, questo itinerario teatralizzato vuole far conoscere la storia della parte bassa della città da Piazza Mercato all’antico Borgo degli Orefici attraverso una “lettura” del tessuto urbanistico e dei siti monumentali. L’itinerario partirà dalla Basilica di Santa Maria del Carmine, testimonianza dello sviluppo culturale e artistico del periodo spagnolo, passando per Sant’Eligio Maggiore, luogo dedicato al santo protettore degli orafi e di tutti i lavoratori di metalli, e la chiesa di San Giovanni a Mare, simbolo dei cambiamenti avvenuti nel corso dei secoli, fino alla Piazzetta Orefici, fulcro storico del Borgo dove si trovano le tracce ancora visibili dei palazzi nobiliari e delle chiese meno “conosciute” della città.

 

Ufficio stampa NarteA| Annacarla Tredici |+39 333.9513421 |[email protected]

IO STO COL PRESIDENTE!!!!!!

adl primatisupercoppa adl

Un messaggio al presidente, nella sera più bella della sua avventura a Napoli. Rafa Benitez dopo il trionfo di Wolfsburg è passato al contrattacco con la stampa. Il ritiro imposto da Aurelio De Laurentiis, che a conti fatti sta producendo gol e vittorie, non è ancora andato giù al tecnico spagnolo che si è sentito scavalcato nella gestione del gruppo azzurro. Ribadita più volte la professionalità dei suoi atleti contro le voci sulla bella vita condotta da Higuain e soci e il mancato intervento sul mercato da parte della società la scorsa estate, senza le pedine che servivano per il salto di qualità definitivo. Insomma, le posizioni restano distanti. E se il presidente ha avuto ragione, perché gli azzurri negli ultimi 180 minuti di gioco sono apparsi più compatti, decisi, cattivi, forse uniti contro le decisione del numero uno azzurro, il tecnico spagnolo rivendica i suoi meriti sul campo: mai visto così forte in campo europeo, forse così solo ai tempi della Coppa Uefa vinta 26 anni fa dalla banda Maradona. Una squadra che sa come giocare questo tipo di partite: è l’eredità di Rafa per il prossimo futuro azzurro, probabilmente senza di lui in panchina. Una questione di mentalità, un marchio impresso nel dna del gruppo di calciatori. In Europa la squadra ha fatto un incredibile salto in avanti, con la macchia dell’eliminazione nei preliminari di Champions League contro l’Athletic Bilbao. Lì Benitez doveva intervenire, pretendere gli investimenti necessari da De Laurentiis, forse avrebbe anche dovuto minacciare di rimettere il suo mandato. Con ogni probabilità la stagione azzurra avrebbe avuto altro corso ma ancora nulla è perduto. Le semifinali di Europa League sono a un passo, così l’ingresso dalla porta di servizio in Champions League, il regalo per chi solleva la Coppa. E tutti devono essere uniti, mentre si scioglieranno le riserve sul futuro di Rafa e sul nuovo allenatore del Napoli.

Cari figli di Napoli……..

Riceviamo e pubblichiamo da parte di Giovanni Cristofaro

Cari figli di Napoli, cari compatrioti, figli del sud, e purtroppo tifosi della Juventus. Mi chiamo Giovanni Cristofaro ho 31° anni e vi scrivo questa lettera perchè possiate voi capire il cosa davvero significa essere napoletani e sentirsi orgogliosi di esserlo. Ogni domenica negli stadi si sente sempre la solita offesa “Colerosi” oppure si porta a sentire osannare il Vesuvio chiedendo lui di svegliarsi e uccidere i Napoletani quali siete anche voi. La mia lettera, possa portarvi a capire davvero cosa significa essere napoletani e cosa significa amare la squadra della propria città. Innanzitutto, si guarda alla rivalità calcistica tra Nord e Sud, la rivalità storica tra Garibaldi e i Borboni, la rivalità di guerre tra chi ha sconfitto i tedeschi nelle 4 giornate di Napoli a chi si è alleato con Hitler. Io vorrei capire perchè si arriva ad odiare tanto il proprio luogo di nascita, il perchè ogni volta si deve arrivare a offendere con parole grosse chi non vi ha mai fatto nulla?. Forse andare al Nord tra la monnezza vi ha fatto diventare come essa, io spero che abbiate un cuore e che lo ripuliate da tutta questa vergogna, perchè a oggi di vergogna si deve parlare


Hit Counter provided by laptop reviews