Crea sito

Archive for Arte e Cultura

SORRISI IN CORSIA” ALL’OSPEDALE DI SALERNO

acscostruzioni campania

 

 

 

 

SORRISI IN CORSIA” ALL’OSPEDALE DI SALERNO

 

 

 

“Sorrisi in Corsia”, questa mattina, nei reparti di Pediatria e Chirurgia Pediatrica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona. Una delegazione del consiglio direttivo del Gruppo Giovani Imprenditori Edili dell’A.C.S., l’Associazione dei Costruttori Salernitani, guidata dal presidente Emanuele Radano e dai consiglieri Francesco e Giuseppe Allegretti, Giuseppe Grimaldi e Pietro Lombardi, ha accompagnato e “supportato” Babbo Natale nella consegna di doni ai piccoli degenti del nosocomio salernitano. «Abbiamo voluto riproporre anche quest’anno – ha commentato il presidente dei giovani costruttori salernitani, Emanuele Radano – questa iniziativa di solidarietà per regalare un sorriso ai piccoli ricoverati nell’auspicio che possano fare presto ritorno a casa per trascorrere serenamente le festività in famiglia. Voglio ringrazione l’agenzia salernitana Sorrisi e Servizi di Graziano Sica che anche quest’anno ci ha fornito la mascotte per allietare i bimbi in questa iniziativa». Salerno, 22 dicembre 2015

“Modelli di business per il networking”

costruzioni campania

Con una lezione sui “Modelli di business per il networking” curata da Vincenzo La Croce e Giuliana Saccà sabato prossimo, nella Sala Conferenze dell’ACS – Associazione dei Costruttori Salernitani, si chiuderà il progetto “Green Generation”: la green economy come strumento per favorire l’occupazione giovanile”.

Il progetto, durato 18 mesi, ha coinvolto oltre 400 neo-laureati senza occupazione, 20 giovani imprenditori, 1.200 studenti delle scuole superiori.

Giovani, lavoro, green economy, sono state le tre parole chiave, i tre “hashtag”, di Green Generation, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale – nell’ambito del “Piano Azione e Coesione”. Stage formativi, corsi specializzanti, attività nelle scuole, viaggi all’estero, aperitivi culturali, un osservatorio sulle professionalità “green” e tante altre ancora sono state le attività che si sono svolte in questo ultimo anno e mezzo e che hanno visto in prima linea anche l’ACS Associazione dei Costruttori Salernitani, che ha curato l’organizzazione dell’iniziativa in partenariato con l’associazione culturale Cavacon, il Comune di Cava de’ Tirreni e l’Associazione Liceando per favorire l’inserimento dei giovani salernitani nel mondo del lavoro, attraverso proprio le leve competitive offerte dalla green economy.

Da sempre sensibile ai temi dell’ambiente e della disoccupazione, soprattutto giovanile, l’Associazione dei Costruttori Salernitani ha dato vita ad una joint venture per approfondire le conoscenze dei giovani già inseriti nel mondo del lavoro e formare quanti non hanno allo stato attuale opportunità di occupazione, mettendoli in diretto contatto con le realtà imprenditoriali del territorio salernitano.

Temi centrali dei percorsi formativi: la gestione ecocompatibile delle risorse aziendali e la promozione delle leve di marketing legate ai di principi di sostenibilità ambientale in azienda.

Un impegno di prima linea, quello dell’Associazione dei Costruttori Salernitani, sul fronte della lotta alla disoccupazione giovanile (confermato anche dalla promozione del progetto “Garanzia Giovani”), ma anche per fornire un contributo attivo per il rilancio del settore e il miglioramento del tessuto sociale, creando nuove opportunità per lavoratori e imprenditori.

A tracciare un bilancio, sabato prossimo 19 dicembre alle 12:00, nella Sala Conferenze dell’Associazione dei Costruttori Salernitani, in via Galloppa, a Torrione, gli ideatori e organizzatori dell’evento.

Salerno, 17 dicembre 2015

PREMIO GENOVESI, CERIMONIA DI PREMIAZIONE

acs
Cinque i progetti selezionati e premiati tra i diciannove in gara: hanno impegnato 132 studenti delle Facoltà di Economia e Commercio e Ingegneria dell’Università degli Studi di Salerno.   Si è svolta questa mattina alla Facoltà di Ingegneria dell’Ateneo salernitano, la cerimonia di premiazione dei progetti vincitori della quinta edizione del Premio Genovesi, il concorso che impegna gli studenti nella progettazione e nell’approfondimento tecnico di interventi infrastrutturali e opere programmati dalle amministrazioni locali. L’iniziativa, organizzata dall’Università degli Studi di Salerno e dall’ACS, l’Associazione dei Costruttori Salernitani, è coordinata dall’Area Estimo della Facoltà di Ingegneria, ed in particolare dai proff. Antonio Nesticò e Gianluigi De Mare dell’Area Estimo e Valutazioni. Quest’anno il concorso ha coinvolto – per le tematiche attinenti la sostenibilità economico-finanziaria – anche gli studenti della facoltà di Economia e Commercio, coordinati dalla prof.ssa Maria Teresa Cuomo, docente di Management e Sviluppo d’Impresa. Diciassette gli enti e le amministrazioni che hanno supportato l’iniziativa: i comuni di Agerola, Castelcivita, Caste San Giorgio, Cava de Tirreni, Cetara, Maiori, Matera, Mercogliano, Montoro, Pontecagnano Faiano, Salerno, Sarno e San Valentino Torio; la Provincia di Salerno, l’ENEA, l’Istituto Zooprofilattivo Sperimentale del Mezzogiorno, e il Consorzio di Bonifica in Sinistra Sele. Nello scorso mese di giugno, i progetti in concorso sono stati presentati a Roma nell’Ufficio di Presidenza del Senato. Alle tre usuali sezioni in concorso (Fattibilità, Ricerca e Creatività), il Comitato Tecnico Scientifico che ha valutato le attività progettuali dei ragazzi, ha ritenuto quest’anno di aggiungerne una quarta (Ecosostenibilità). Questi, per ciascuna sezione, i progetti vincitori, che hanno riscosso un premio in denaro dell’ACS, Associazione dei Costruttori Salernitani:   Sezione Fattibilità: premiato il progetto “Un intervento di riconversione irrigua Consorzio di Bonifica in Sinistra Sele” elaborato dagli studenti Paolo Alfano, Valentina Chiarelli, Federica Persich, Laura Carmen Pezza, Alessandra Del Giorno, Roberta Fratello, Giovanna Zuppardo. Il progetto, per il Consorzio di Bonifica in Sinistra Sele, prevede un investimento di € 12.439.819 per un intervento di riconversione irrigua nel Comune di Serre (SA) con difesa dal rischio idrico, bonifica e sanificazione e irrigazione. Il Comitato Tecnico Scientifico ha premiato in particolare «l’impostazione metodologica», «il livello di dettaglio del piano finanziario» e «gli approfondimenti teorico-disciplinari che attengono ad effetti extra-finanziari riconducibili all’investimento».   Sezione Ricerca: premiato il progetto “Sniffi. Naso elettronico per analisi biomediche e monitoraggio ambientale” elaborato dagli studenti Teresa Agovino, Sonia Ferolla, Mario Graziuso, Mariantonia Santoro, Cristina Capuano e Antonella Corcillo, con la seguente motivazione: «Per la capacità di interpretare gli effetti finanziari di un complesso progetto di ricerca, per le analisi sulle soluzioni tecnologiche e sui corrispondenti termini mercantili». Il progetto – per un investimento di poco superiore ai 5 milioni di euro – prevede lo sviluppo tecnologico di un dispositivo realizzato dall’ENEA di Portici e denominato appunto Sniffi, in grado di trasformare gli odori in immagini.   Sezione Creatività: premiato il progetto “Percorsi turistici e promozione del territorio nell’antico Borgo di Aterrana nel Comune di Montoro”, in provincia di Avellino, elaborato dagli studenti Sara Carratù, Franca Ferrentino, Rosalia Moffa, Michele Vietri, Andrea Araneo, Angelo Gerardi, Simonpietro Pace «per la capacità di affrontare e di risolvere, in modo coerente e creativo, questioni che rimandano allo sviluppo del territorio sotto il profilo non solo meramente finanziario, ma pure sociale e culturale». Il progetto prevede l’allestimento di un museo tematico “en plein air”, la creazione di un sistema informatico di supporto turistico, secondo la logica del marketing di prossimità; l’organizzazione di un evento pilota denominato “Le Vie del Legno” e la promozione del polo attraverso canali sia convenzionali che multimediali.   Su proposta del delegato dell’ACS nel Comitato Tecnico Scientifico, Raffaele Pascale, quest’anno è stato attribuito anche un quarto premio, sempre in denaro, con l’intento di accrescere l’attenzione degli studenti nei confronti delle questioni sulla sostenibilità ambientale.   Per la sezione Ecosostenibilità è stato quindi premiato il progetto: “Canapa. L’ecosostenibilità è business”, degli studenti Domenico Giaquinto, Luigi Esposito, Antonio Pizzolante, Gennaro Gioviale, Carmine Botta, Annapaola Celentano, Francesca Lupi e Fabrizio Pavarese «per la valenza dei contenuti dell’elaborato progettuale, in grado di prospettare le potenzialità economico-finanziarie di iniziative d’investimento innovative rispetto a soluzioni tecnologiche sostenibili in termini ambientali». Il progetto, per conto dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, prevede un investimento nel comune di Sassano (SA) per la produzione primaria, la trasformazione e la commercializzazione di prodotti alimentari a base di canapa.   Riconosciute anche quattro Menzioni di Merito ad altrettanti progetti; la Socomer Grandi Lavori ha inoltre garantito due stage a studenti partecipanti al concorso.   «Con il Premio Genovesi – ha commentato a margine della premiazione Antonio Lombardi, presidente dell’Associazione dei Costruttori Salernitani – la nostra associazione ha ritenuto di riproporre un messaggio di fiducia e di ottimismo ai giovani in tempi in cui pure si parla di letargo e di prospettive pessimistiche. La buona scuola, e l’Università di Salerno in merito rappresenta un’eccellenza, può portare lontano e creare concrete opportunità al fianco delle imprese». «L’auspicio – ha concluso il presidente Lombardi – è che si trovi il modo di trasformare le idee di questi giovani in opere e cantieri attraverso la finanza di progetto. È possibile, è doveroso ma occorre il supporto concreto del sistema bancario, che continua a non sostenere adeguatamente gli imprenditori». «Il territorio è ricco di idee e di capacità progettuali – gli ha fatto eco Rosa Maria Caprino della Socomer Grandi Lavori – ed oggi questi studenti hanno dimostrato che è possibile lavorare intorno ad idee sostenibili dal punto di vista tecnico, progettuale, ma anche economico-finanziario». Soddisfazione è stata espressa dal Responsabile dell’Area Estimo e Valutazioni della Facoltà di Ingegneria, il prof. Gianluigi De Mare. «Siamo sicuramente soddisfatti – ha detto – ma vogliamo fare sempre di più e migliorare ulteriormente». Salerno, 15 dicembre  2015 L’Ufficio stampa

VISITE UROLOGICHE GRATUITE E UN EVENTO DI BENEFICENZA PER SOSTENERE LA RICERCA

CAMPERAPERTO

VISITE UROLOGICHE GRATUITE  E  UN EVENTO DI BENEFICENZA PER SOSTENERE LA RICERCA:

 

LE INIZIATIVE DEL PROSSIMO WEEK-END DELLA FONDAZIONE PROSUD A NAPOLI

 

IL CAMPER PROSUD A PIAZZA VITTORIA A NAPOLI E IN SERATA ALL’HBTOO L’EVENTO IL CUI RICAVATO ANDRA’ AI PROGETTI DELLA FONDAZIONE PROSUD, A FAVORE DELLA RICERCA SUL TUMORE DELLA PROSTATA. AL MATTINO, INOLTRE, IL PROF MIRONE E IL PROF MASULLO PARTECIPERANNO ALLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO LINE DI DONATELLA BERNABO’ SILORATA.

 

Sabato 12 dicembre 2015 dalle 10 alle 18 il Camper Prosud sarà a Piazza Vittoria a Napoli per effettuare visite urologiche gratuite. Non occorre prenotare, basta dare il proprio nome e aspettare il turno.

 

Inoltre, in serata, all’ HBToo in via Coroglio 156 si svolgerà l’evento di beneficenza PRO LINE Enjoying Architectural. La serata è organizzata dallo studio di Architettura Pisani Morace in collaborazione con il Comitato Signore della Fondazione Prosud, formato da Patrizia Mincione, Mariarosaria Castiello, Valeria Corvino, Valentina Pisani, Carla Della Corte. Con loro hanno collaborato Mariacristina Santoro e Stefania Pisani.

 

La raccolta fondi avverrà con il metodo delle liste-regalo: basterà recarsi alla lista PRO LINE presso alcuni punti vendita di Napoli che rilasceranno – solo a chi è stato invitato – un pass per accedere al locale a fronte di una donazione: Tullierie e Livio de Simone in Via Domenico Morelli ai numeri 11 e 15 rispettivamente, Ileana Della Corte, Via Carlo Poerio 52, Idem, Via Giuseppe Ferrigni 32, o Vico Belledonne a Chiaia 12.

 

La serata, in linea con il Natale imminente, prevede un dress code caratterizzato da un tocco dorato, mentre i partecipanti potranno gustare un buffet e ballare con la musica di Marcantonio Deejay. Per i piu’ fortunati ci saranno anche delle “anticipazioni” dei regali di Natale: saranno infatti estratte a sorte 50 copie del libro LINE e altri regali offerti dagli sponsor della serata: Hbtoo, Alba Catering, Latticini Orchidea, Vanvitelli Pizza and Food Gourmet, Ottica Pedone, Bamba di Costanzo Eventi, Yes London, Borsalino & Mont Blanc per Bruno e Pisano.

 

L’evento arriverà al termine di una giornata intensa per la Fondazione. Al mattino, infatti, il Professor Vincenzo Mirone e Professor Aldo Masullo, rispettivamente Presidente e Vicepresidente di Prosud, parteciperanno  alla presentazione del volume LINE Progetti dello Studio Pisani Morace, della giornalista Donatella Bernabò Silorata, alle 11 presso la Chiesa di San Rocco alla Riviera di Chiaia 254.

 

Uff. Stampa

Simonetta de Chiara Ruffo

Comunicazione-Marketing-Eventi

Cell. 3343195127

[email protected]

[email protected]

 

 

NOTE SULLA FONDAZIONE PER LA PREVENZIONE E RICERCA IN ONCOLOGIA (PRO) E SULLA UNITA’ UROLOGICA MOBILE

 

La Fondazione per la Prevenzione e Ricerca in Oncologia (PRO)- Prosud Onlus è nata nel Gennaio 2011 da un’idea del Professor Vincenzo Mirone, Ordinario di Urologia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II e Presidente di Prosud, e dell’Avvocato Antonio Mancino. La scelta nasce dalla consapevolezza che gli uomini dedicano poca attenzione alla propria salute e che esiste, ancora oggiAggiungi un appuntamento per oggi, una scarsa cultura della prevenzione; per cui si registra una maggiore incidenza ed aggressività delle malattie tumorali. Anche per questo motivo la Fondazione ha attivato nel maggio 2013 una Unità Urologica Mobile, che tocca le principali piazze delle città visitando gratis il pubblico maschile per sensibilizzarlo al controllo. Oltre alle piazze, il Camper opera anche presso Enti, Aziende e Istituzioni che facessero domanda per programmare delle tappe presso le loro sedi. Info e contatti: [email protected] o www.fondazioneprosud

SABATO 28 NOVEMBRE ALLE ORE 10,30 PRESSO IL SALONE GOCCIOLONI DELLE TERME DI TELESE (PIAZZA MINIERI 1, TELESE TERME – BN) ALLA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO PER LA RACCOLTA FONDI A FAVORE DI BAMBINI AFFETTI DA AUTISMO E DA PATOLOGIE NEUROLOGICHE.

STAFF MEDICO SSC NAPOLI _ DIMARO 2015

SABATO 28 NOVEMBRE ALLE ORE 10,30 PRESSO IL SALONE GOCCIOLONI DELLE TERME DI TELESE  (PIAZZA MINIERI 1, TELESE TERME  – BN) ALLA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO PER LA RACCOLTA FONDI A FAVORE DI BAMBINI AFFETTI DA AUTISMO E DA PATOLOGIE NEUROLOGICHE.

 

La pièce teatrale allestita dalla Compagnia del Vùccaro di San Lupo, in programma venerdì 4 dicembre 2015 alle 20,00 al Cinema Teatro Modernissimo di Telese, è l’occasione per riunire un pubblico partecipe e solidale.

Verrà presentato lo spettacolo:

‘METTIMMECE D’ACCORDO E CE VATTIMME’

Commedia in due atti di Gaetano Di Maio

Regia di Antonello Santagata

 

Una commedia esilarante, incentrata sulla crisi affettiva di una comune famiglia allargata di una città meridionale.

Nel corso della conferenza stampa saranno illustrati i dettagli di quello che sarà un vero e proprio ‘evento’ ad inviti, speciale ed elegante, il cui ricavato attraverso il Rotary Club della Valle Telesina sarà devoluto in beneficenza a favore dei bambini affetti da autismo e da patologie neurologiche impossibilitati a continuare le cure necessarie a causa dei limitati tetti di spesa approvati dall’ASL.

Sarà una serata ricca di tante sorprese, a cui parteciperanno anche alcuni giocatori della SSC Napoli, particolarmente sensibili a questo tema.

 

Alla conferenza stampa interverranno:

Mariano Bruno e Alessandro Bolide da Made in Sud

Antonella Fragiello, modella e attrice, madrina della serata

Annamalia Villaccio presidente Rotary Club Valle Telesina

Antonello Santagata organizzatore dell’evento

Luca Palumbo vice presidente Associazione Culturale “ Il Vùccaro”

Il dr. Alfonso De Nicola, responsabile Staff Medico SSC Napoli

Modera: Giuseppe Guarino, giornalista de L’Avanti

Parteciperanno, inoltre, tutti i ‘partner’ ( Mangimi Liverini, Terme di Telese, Rillo Costruzioni, Melotta Costruzioni, Centro Riabilitazione De Nicola), che hanno sostenuto economicamente il progetto.

 

CAMBIO DELLA DENOMINAZIONE SOCIALE: ANCE SALERNO TORNA ALLA STORICA A.C.S. ASSOCIAZIONE COSTRUTTORI SALERNITANI

acs

CAMBIO DELLA DENOMINAZIONE SOCIALE: ANCE SALERNO TORNA ALLA STORICA A.C.S. ASSOCIAZIONE COSTRUTTORI SALERNITANI

La più antica e rappresentativa associazione di costruttori salernitana torna alle origini e recupera la sua denominazione “storica”: il Consiglio direttivo della – ormai ex – ANCE Salerno, riunitosi ieri pomeriggio nella sede di via Galloppa, dando seguito alle delibere assembleari del 30 luglio scorso, ha deciso di modificare la denominazione sociale dell’Associazione da ANCE Salerno a A.C.S., Associazione Costruttori Salernitani.
A.C.S. fu costituita il 27 novembre del 1944 presso l’Ordine degli Ingegneri di Salerno: era l’anno di “Salerno capitale” (la nostra città, com’è noto, fu sede provvisoria del governo nazionale da febbraio ad agosto del 1944): i costruttori salernitani decidevano di associarsi per creare un organismo che fosse in grado di formulare proposte, gestire e risolvere problemi, diventare volano rispetto alla forte domanda di ricostruzione pubblica e privata che veniva dai dolori e dalle sofferenze legate ai difficili giorni del post-sbarco e dei bombardamenti. Salerno era un grande immenso cantiere di idee, di proposte, ma anche di opere: il raddoppio del lungomare, tanto per citare l’intervento più rilevante e rappresentativo di quegli anni. Renato Caputo fu il presidente del Comitato Provvisorio: un anno dopo, nel novembre del 1945, fu perfezionata l’adesione all’Associazione degli Industriali. La prima Assemblea degli associati si svolse nella sede storica di Palazzo Centola il 9 gennaio 1946 ed elesse primo presidente il commendator Giovanni Coraggio. «Da allora – commenta emozionato il presidente Antonio Lombardi – l’Associazione ha sempre rappresentato un costante punto di riferimento, concreto, efficiente, efficace, per le imprese, accompagnandole e sostenendole nei momenti di difficoltà ed indicando opportunità e sbocchi di un mercato in costante, incessante evoluzione. È tempo di rinvigorire e qualificare ulteriormente quell’impegno, riscoprendo un associazionismo slegato da vecchie logiche, meno attento ad etichette, poltrone e commissioni, e decisamente più forte sul fronte della rappresentatività e dell’efficacia dell’impegno. Lo stiamo facendo e lo faremo ancor di più nelle prossime settimane». Negli anni l’Associazione ha perfezionato e qualificato competenze e attribuzioni associative, integrandole con un efficiente servizio di supporto e accompagnamento anche alle funzioni di progettazione di enti ed amministrazioni, per rendere sempre più concrete e tangibili le opportunità lavorative per le imprese del comparto. «Continueremo lungo queste direttrici e lungo l’impegno tracciato da quanti ci hanno preceduto – aggiunge ancora il presidente Lombardi – l’edilizia è un settore di enorme valenza strategica per l’economia provinciale e sono ancora tante le opportunità latenti che stentano ad essere intercettate e sfruttate dagli organi decisori e dalle amministrazioni locali. A.C.S. accompagnerà le istituzioni, a partire dai piccoli Comuni che mancano di strutture e professionalità adeguate, nelle attività di progettazione e formulazione delle proposte, affinché le imprese edili salernitane e la comunità tutta di questo territorio, possano sfruttare al meglio le opportunità di rilancio, riqualificazione e messa in sicurezza del territorio e delle strutture pubbliche, a partire dalle scuole, che pure esistono ma che inefficienza, impreparazione e burocrazia lasciano nei cassetti della mala politica». Salerno, 21 novembre 2015 L’Ufficio Stampa
La più antica e rappresentativa associazione di costruttori salernitana torna alle origini e recupera la sua denominazione “storica”: il Consiglio direttivo della – ormai ex – ANCE Salerno, riunitosi ieri pomeriggio nella sede di via Galloppa, dando seguito alle delibere assembleari del 30 luglio scorso, ha deciso di modificare la denominazione sociale dell’Associazione da ANCE Salerno a A.C.S., Associazione Costruttori Salernitani.
A.C.S. fu costituita il 27 novembre del 1944 presso l’Ordine degli Ingegneri di Salerno: era l’anno di “Salerno capitale” (la nostra città, com’è noto, fu sede provvisoria del governo nazionale da febbraio ad agosto del 1944): i costruttori salernitani decidevano di associarsi per creare un organismo che fosse in grado di formulare proposte, gestire e risolvere problemi, diventare volano rispetto alla forte domanda di ricostruzione pubblica e privata che veniva dai dolori e dalle sofferenze legate ai difficili giorni del post-sbarco e dei bombardamenti. Salerno era un grande immenso cantiere di idee, di proposte, ma anche di opere: il raddoppio del lungomare, tanto per citare l’intervento più rilevante e rappresentativo di quegli anni. Renato Caputo fu il presidente del Comitato Provvisorio: un anno dopo, nel novembre del 1945, fu perfezionata l’adesione all’Associazione degli Industriali. La prima Assemblea degli associati si svolse nella sede storica di Palazzo Centola il 9 gennaio 1946 ed elesse primo presidente il commendator Giovanni Coraggio. «Da allora – commenta emozionato il presidente Antonio Lombardi – l’Associazione ha sempre rappresentato un costante punto di riferimento, concreto, efficiente, efficace, per le imprese, accompagnandole e sostenendole nei momenti di difficoltà ed indicando opportunità e sbocchi di un mercato in costante, incessante evoluzione. È tempo di rinvigorire e qualificare ulteriormente quell’impegno, riscoprendo un associazionismo slegato da vecchie logiche, meno attento ad etichette, poltrone e commissioni, e decisamente più forte sul fronte della rappresentatività e dell’efficacia dell’impegno. Lo stiamo facendo e lo faremo ancor di più nelle prossime settimane». Negli anni l’Associazione ha perfezionato e qualificato competenze e attribuzioni associative, integrandole con un efficiente servizio di supporto e accompagnamento anche alle funzioni di progettazione di enti ed amministrazioni, per rendere sempre più concrete e tangibili le opportunità lavorative per le imprese del comparto. «Continueremo lungo queste direttrici e lungo l’impegno tracciato da quanti ci hanno preceduto – aggiunge ancora il presidente Lombardi – l’edilizia è un settore di enorme valenza strategica per l’economia provinciale e sono ancora tante le opportunità latenti che stentano ad essere intercettate e sfruttate dagli organi decisori e dalle amministrazioni locali. A.C.S. accompagnerà le istituzioni, a partire dai piccoli Comuni che mancano di strutture e professionalità adeguate, nelle attività di progettazione e formulazione delle proposte, affinché le imprese edili salernitane e la comunità tutta di questo territorio, possano sfruttare al meglio le opportunità di rilancio, riqualificazione e messa in sicurezza del territorio e delle strutture pubbliche, a partire dalle scuole, che pure esistono ma che inefficienza, impreparazione e burocrazia lasciano nei cassetti della mala politica». Salerno, 21 novembre 2015 L’Ufficio Stampa

Quoziente emotivo, alleniamoci a dare il meglio di noi!

Quoziente emotivo,  alleniamoci a dare il meglio di noi

La prima performance motivazionale pubblica del mental coach Alberto Bucci e del performer Giorgio Comaschi

BOLOGNA, 6 NOVEMBRE- Domani 7 novembre a Palazzo Segni Masetti dalle 9.30 Alberto Bucci e Giorgio Comaschi alleneranno il nostro quoziente emotivo per aiutarci a divenire sostenibilmente eccellenti. Ritornare a se stessi questa è la vera rivoluzione copernicana del cambiamento in atto concedersi tempo per elaborare le proprie risorse e utilizzarle per mostrare un meglio sostenibile di se’ in qualsiasi situazione, personale e professionale, gli strumenti e le soluzioni per riscoprire le motivazioni, comprendere e gestire le capacità emotive, per anticipare e adeguarsi ai mutamenti che sorprendono e sollecitano il nostro agire.

Credere in se stessi per comprendere e anticipare il futuro che ci attende, contestualizzare e innovare le proprie capacitàpersonali come unica risorsa disponibile per essere noi stessi parte proattiva dei cambiamenti in atto e della vita che vogliamo vivere. Trovare le giuste motivazioni per superare i momenti di incomprensione dei cambiamenti che naturalmente si susseguono – oggiAggiungi un appuntamento per oggi più che mai- nella vita professionale, in azienda e nella vita privata.

Questi sono i temi attuali e imperanti a cui il seminario full immersion “Quoziente Emotivo – Alleniamoci a dare il meglio di noi” vuole dare una risposta, utilizzando stimoli provenienti dagli approcci trasversali e aperti ma soprattutto ricchi di contenuto di Alberto Bucci e Giorgio Comaschi.

I punti di vista, le visioni trasversali, le molteplici e singolari soluzioni proposte al pubblico sono il frutto di anni di esperienza vissute anche con difficoltà, ma sempre affrontate al massimo delle proprie capacità, da Alberto Bucci, premiato come miglior allenatore di Basket dell’anno dal CONI, che lo inserisce nella Hall of Fame dello Sport, oggiAggiungi un appuntamento per oggi proattivo Mental Coach per aziende. A fianco a lui sul palco, da sempre impegnato in una ricerca costante e non comune di ascolto dell’altro e dei fatti che lo circondano, l’attore e giornalista Giorgio Comaschi, Performer e propositore di una comunicazione empatica e per questo motivo sempre autentica.

Confcommercio Ascom Bologna ha creduto in questo progetto dal significato forte  e impattante, non solo per tutti gli associati ma anche per un pubblico più ampio. “Stiamo vivendo un momento particolare della nostra storia dove sempre di più riscopriamo l’importanza del valore umano come propellente per le nostre aziende e per la nostra comunità –afferma Giancarlo Tonelli Direttore Confcommercio Ascom Bologna – Questa iniziativa vuole aiutarci nell’ascolto e nella comprensione, nel dare fiducia e stimolo a coloro i quali, attraverso le proprie imprese, ma anche attraverso il personale intraprendere sociale, animano lo sviluppo della città in ogni suo aspetto”

Quoziente Emotivo è un processo virtuoso di consapevolezza di due valori imprescindibili: il tempo per ascoltarsi e per comprendersi, attraverso il sentire emozionale, unitamente al potenziamento delle capacità di gestione delle risorse personali, per reagire prontamente e adattarsi coerentemente al contesto in evoluzione. Quoziente Emotivo è sostenere i processi virtuosi individuali che nel loro essere confluenti in reti relazionali, sviluppano consapevolezza emozionale e relazionale nell’affrontare le sfide delle mutazioni del divenire quotidiano, e riportano con determinazione l’individuo e il suo valore al centro. Proprio in questo “centro di valore ritrovato” è possibile ritrovare forza, visione, e motivazione.

“Nessun cambiamento si affronta in solitudine, solo insieme agli altri siamo in grado di superare gli ostacoli nel lungo periodo” – come sostiene Alberto Bucci – “Ma dobbiamo riuscire ad approfittare di un momento di difficoltà e in essa scoprirne una grande opportunità di comprensione  delle nostre capacità per trasformarla. Il valore di ogni nostra azione cresce nell’apprendimento di come siamo e cosa veramente vogliamo essere, liberi dai quei pregiudizi che ingannano il nostro percorso quotidiano. Con l’ascolto delle nostre emozioni, al posto delle comuni paure, possiamo andare oltre i limiti delle nostre momentanee capacità e risorse nel perseguire la nostra meta”. “L’autenticità e l’ascolto di se stessi e degli altri, l’empatia e la conoscenza più vera di chi siamo e di chi circonda – afferma Giorgio ComaschioggiAggiungi un appuntamento per oggifa la differenza per i risultati di domaniAggiungi un nuovo appuntamento per domani, nella vita privata come in quella lavorativa. La pratica può essere difficile perché dobbiamo trasformare l’intangibile in tangibile, perché interpretare e trasformare in materia la propria emozione non è facile. Tuttavia se siamo in grado di coglierla riusciremo a concretizzare i bisogni in soddisfazioni, i sogni in progetti e i nostri progetti in intraprendenza sostenibile e coerente ai cambiamenti che ogni giorno ci attraversano.”

 

PALAZZO SEGNI MASETTI – SEDE ASCOM – SALA CARRACCI

STRADA MAGGIORE 23, BOLOGNA

Ore 9.30

Il presente Comunicato Stampa vale come invito personale riservato

IL 24 E 25 OTTOBRE TRE NUOVI APPUNTAMENTI CON LE VISITE GUIDATE DI MANI E VULCANI

passeggiata napoletana

IL 24 E 25 OTTOBRE TRE NUOVI APPUNTAMENTI

CON LE VISITE GUIDATE DI MANI E VULCANI

Riprendono gli appuntamenti del week-end con Mani e Vulcani alla scoperta di Napoli e dei suoi segreti piu’ nascosti. Queste le visite guidate del week-end del 24 e 25 ottobre, con prenotazione obbligatoria, al fine di rendere un servizio ottimale a quanti desiderano partecipare:

24 ottobre ore 20.30- PASSEGGIATA NAPOLETANA: visita guidata al calar della sera, con partenza dallo storico caffè Gambrinus di piazza del Plebiscito ed arrivo al Borgo Marinari . Due ore tra storia, aneddoti e misteri della città nata sulla tomba di una Sirena, sospesa perennemente tra il mondo infero e le colline circostanti. Appuntamento Caffè Gambrinus. Quota di partecipazione 10,00 euro a persona. Prenotazione obbligatoria

25 ottobre ore 10.30TE PIACE ‘O PRESEPE?: percorso di visita nel cuore del Centro Antico, alla scoperta dei più antichi ed arcani misteri che si celano nella rappresentazione della Natività a Napoli. Quota di partecipazione 8,00 euro. Appuntamento esterno libreria Edizioni Paoline (nei pressi del Duomo). Prenotazione obbligatoria.

25 ottobre ore 10.30 Il CIMITERO DELLE FONTANELLE appuntamento esterno Cimitero delle Fontanelle; quota di partecipazione 7,50 euro. Prenotazione obbligatoria  

 

Prenotazioni ai numeri  081.5643978 – 340.4230980 – whatsapp 331.5012768

 

Ufficio Stampa

Simonetta de Chiara Ruffo

334-3195127334-3195127

[email protected]

 

NOTE SU MANI E VULCANI

Mani e Vulcani è una associazione culturale nata a Napoli nel 2005. Presieduta da Antonello Di Martino, opera per promuovere la cultura e l’arte attraverso attività e iniziative volte ad una migliore fruizione del patrimonio culturale; tutto questo nell’ambito del turismo, delle visite e passeggiate guidate, della didattica e degli eventi. Attraverso la tecnica del racconto, inoltre, ha ideato un nuovo modo emozionale di far rivivere a turisti e ai visitatori la cultura e
il territorio. I Narratori dell’Arte di MANI E VULCANI, attraverso una particolare cura per lo studio delle fonti, hanno reinterpretare luoghi noti e meno noti, e hanno dato vita alla Compagnia dei Narratori dell’Arte. La particolarità della compagnia è che non solo studiosi, ma anche attori, musicisti, cantanti e ballerini contribuiscono a far rivivere quello straordinario patrimonio di tradizioni che ha reso la nostra città famosa nel mondo. In continua formazione, i Narratori dell’arte, sono un’esclusiva MANI E VULCANI. Ma Mani e Vulcani è anche un tour operator che cura l’incoming a Napoli ed in tutta la regione Campania, e che si impegna nel proporre un’offerta nuova e di qualità a chi chiede di vivere appieno il proprio viaggio. Infatti propone una vasta scelta di pacchetti turistici, soggiorni a tema, visite guidate, percorsi naturalistici ed enogastronomici, cene spettacolo e laboratori didattici.

OROITALY: BENE INNALZARE LA SOGLIA DEL CONTANTE, UN VIATICO PER ARTIGIANATO E PMI

oroitaly fotoOROITALY: BENE INNALZARE LA SOGLIA DEL CONTANTE, UN VIATICO PER ARTIGIANATO E PMI

“Aumentare a tremila euro la soglia entro la quale si può utilizzare il contante è una misura della Legge di Stabilità che può contribuire a rilanciare l’economia”. Lo afferma Gianni Lepre, Segretario Generale di Oroitaly. “Credo che questo tipo di provvedimenti possano essere ancora più opportuni nell’attuale fase di transizione da un lungo periodo di recessione a una fase di auspicata crescita. Dobbiamo tener conto che nell’economia è importante anche la dimensione psicologica. L’eccesso di regole non favorisce gli scambi. Una maggiore facilità nel compiere acquisti di limitata portata costituisce, inoltre, un incentivo per i consumi, se non altro perché riduce tempi ed evita di dover documentare qualsiasi spesa. Un viatico soprattutto per artigianato e pmi”.  Oroitaly da tempo propugna che, nella lotta all’evasione fiscale, buon senso e flessibilità si coniughino con l’azione di contrasto ai reati. “Bene l’innalzamento del tetto per il contante, ma la stessa logica dev’essere applicata ad altri strumenti come il redditometro e lo spesometro”, dichiara il Presidente di Oroitaly, Generoso De Sieno. “Vorrei rimarcare che la nostra posizione non è contraria pregiudizialmente a questi meccanismi di controllo, ma alle modalità con cui si è cercato di applicarli negli ultimi anni. Dobbiamo capire che un’impresa non può dedicare alle incombenze fiscali costi ed energie spropositati, soprattutto se si tratta di un’azienda artigiana o comunque di piccole dimensioni. Bisogna quindi evitare di conferire eccessiva importanza a indicatori presuntivi, spesso confutati da indagini capillari che dimostrano la correttezza e la trasparenza dell’impresa dopo estenuanti perdite di tempo dedicabile altrimenti alla crescita e al business. Occorre puntare più sulle medie e grandi realtà, che su chi opera in piccolo, scontando dunque tutti gli affanni e le difficoltà conseguenti”.  “E’ un approccio che va osservato anche per gli studi di settore”, incalza Giuseppe Pezzuto-Presidente  onorario “Finora questo strumento ha avuto un grave difetto, quello di innalzare presuntivamente in troppe circostanze l’effettivo reddito del contribuente, invertendo l’onere della prova. E’ un modo di procedere che considererei intollerabile anche se i casi fossero molto limitati, ma purtroppo questi fenomeni sono molto diffusi. E’ ora che si inverta la marcia e che l’amministrazione fiscale trovi strade più efficaci e magari anche più incisive per conseguire i suoi obiettivi, colpendo innanzitutto i grandi evasori”.

OROITALY
“Oroitaly” è l’associazione nazionale orafi che raggruppa diverse piccole e medie imprese italiane impegnate nella produzione orafa di altissima qualità e che si prefigge lo scopo di rafforzare la coesione nazionale nella alta oreficeria. Presidente è stato eletto Generoso De Sieno, maestro orafo e fornitore della Reale casa Borbonica, mentre Segretario Generale è il prof. Gianni Lepre, docente alla Jean Monnet, fiscalista di livello nazionale. L’associazione, tra le varie finalità, ha quella di rappresentare la categoria sulle grandi questioni fiscali ed infrastrutturali ergendosi ad interlocutore di riferimento per il governo centrale e le istituzioni. La promozione del made in Italy della tradizione orafa, che consta di grandi esempi qualitativi, e la sua proiezione in una dimensione di internazionalizzazione sono alla base delle iniziative ed attività sociali

Convegno deontologia notarile.

 In un momento in cui il ruolo del notaio viene messo in discussione dal legislatore, il tema della deontologia assume un grande rilievo. Sui ‘Principi di deontologia e attività notarile’ il Consiglio Notarile di Napoli ha organizzato all’Hotel Royal Continental una giornata di studio durante la quale sono state affrontate le complesse tematiche legate alle regole di comportamento dei notai.
   Il presidente del Consiglio Notarile di Napoli, Antonio Areniello ha sottolineato “la rilevanza che assume l’etica dei comportamenti, e dunque una più consapevole sensibilità etica dell’operatore del diritto, di pari passo con la sempre maggiore complessità che si riscontra nello svolgimento dell’attività professionale”.
“Grazie a questo percorso virtuoso – ha concluso Areniello – sarà possibile per il notaio riaffermare all’esterno la propria indiscutibile funzione di tutela dell’utente delle prestazioni professionali, a garanzia dell’intero sistema che ne supporta il ruolo e le prerogative”.


Hit Counter provided by laptop reviews